Carrello

Nessun prodotto nel carrello.

Che cos’è esattamente l’acido cannabidiolico?

Introduzione

La cannabis è stata utilizzata dall’uomo per migliaia di anni grazie alle sue proprietà uniche.
Tradizionalmente impiegata in campo tessile per la sua elevata resistenza, è stata usata per millenni anche per produrre corde, stoffe o carta, ed i suoi semi sono consumati come cibo in numerose civiltà grazie al loro elevato contenuto nutrizionale.

La cannabis è stata costantemente associata a una serie di benefici farmacologici fin dalle sue prime applicazioni, tanto da essere parte integrante della medicina tradizionale cinese già 4.000 anni fa, come rivelano diversi trattati dell’epoca.

Il suo uso è stato collegato al trattamento del dolore cronico e degli spasmi muscolari, alla riduzione della nausea causata dalla chemioterapia, all’aumento dell’appetito nei pazienti affetti da HIV/AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita), al miglioramento della qualità del sonno e all’eliminazione dei tic nelle persone affette dalla sindrome di Tourette.
È anche raccomandato per l’anoressia grave, l’artrite, il glaucoma e l’emicrania.

Che cos’è esattamente l’acido cannabidiolico? (CBDA)

La cannabis è stata utilizzata dall’uomo per migliaia di anni grazie alle sue proprietà uniche.
Tradizionalmente impiegata in campo tessile per la sua elevata resistenza, è stata usata per millenni anche per produrre corde, stoffe o carta ed i suoi semi sono consumati come cibo in numerose civiltà grazie al loro elevato contenuto nutrizionale.

I cannabinoidi sono prodotti principalmente nei tricomi ghiandolari, più abbondanti nelle infiorescenze femminili.
Tra i cannabinoidi presenti c’è l’acido cannabidiolico (CBDA), l’ingrediente da cui deriva il CBD attraverso un processo di conversione (chiamato decarbossilazione) durante lo sviluppo della pianta.
In realtà, tutti i cannabinoidi iniziano la loro “vita” come acidi e derivano tutti da un unico “precursore” cannabinoide, l’acido cannabigerolico (CBGa), che nel corso del tempo, a causa della crescita della pianta, del calore e dell’esposizione alla luce ultravioletta (UV), si converte in uno dei tre precursori cannabinoidi chiave:

I principali cannabinoidi della pianta esistono in forma acida, ma a causa dell’invecchiamento, del calore e dell’esposizione ai raggi UV, sia il CBDA che il THCA si de-carbossilano in THC e CBD, che hanno strutture molecolari e funzioni diverse. Il CBDA è prevalente nelle piante viventi di chemiotipo III (a predominanza di CBD).

Il CBGA viene convertito in uno dei tre precursori primari dei cannabinoidi, a seconda degli enzimi della pianta che ne attivano la sintesi:

  • THCa: acido tetraidrocannabinolico.
  • CBCa: acido cannabicromenico.
  • CBDA: acido cannabidiolico.

Quando la pianta di cannabis viene decarbossilata dal calore o dalla luce solare, il CBDA si trasforma in CBD. In altre parole, il CBDA è la forma grezza o precursore del CBD:

Trasformazione del CBDA in CBD
Trasformazione del CBDA in CBD

Applicazioni del CBDA

Il CBD è uno dei cannabinoidi più noti e comunemente utilizzati, e per questo è stato al centro di numerosi studi e ricerche che hanno analizzato praticamente tutte le sue proprietà approfondite, mentre il CBDA ha raccolto relativamente poca o nessuna attenzione.
Poiché la ricerca sui potenziali benefici del CBDA per la salute è limitata e la maggior parte degli studi si basa su modelli animali, anche se i risultati preliminari sono promettenti, sono necessari ulteriori studi clinici sull’uomo.
D’altra parte, la ricerca scientifica indica che il CBDA ha molti possibili benefici per la salute e la medicina.

Il CBDA, a differenza di altri cannabinoidi, non si lega direttamente ai recettori CB1 o CB2, ma agisce direttamente sul sistema endocannabinoide inibendo l’azione dell’enzima ciclossigenasi-2 (COX-2).

La struttura molecolare del CBDA è stata paragonata con quella dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l’ibuprofene, comunemente usati per trattare le infiammazioni. I ricercatori hanno scoperto che le loro strutture chimiche sono molto simili e che entrambi impediscono ai recettori COX-2 di funzionare.
Poiché gli enzimi COX-2 sono associati all’infiammazione causata da lesioni o malattie, il CBDA si è dimostrato un potenziale antinfiammatorio inibendo questi recettori.

Negli studi condotti sui roditori, è emerso che la CBDA influisce sui livelli di serotonina, un neurotrasmettitore che le cellule nervose producono per migliorare l’invio e la ricezione dei segnali.
La serotonina è quindi necessaria per tutte le funzioni umane di base, come muoversi, dormire, mangiare, digerire il cibo e provare emozioni.

Le radiazioni e la chemioterapia sono due esempi di fattori di stress esterni che possono indurre il corpo a rilasciare una quantità eccessiva di serotonina, che può far sentire male e far vomitare.
Spesso i farmaci possono arrestare il vomito, ma la nausea è più difficile da gestire perché si verifica in continuazione. In effetti, un paziente oncologico su cinque pensa di interrompere il trattamento per non sentirsi più male.

Gli scienziati hanno dimostrato che il CBDA ha un forte effetto (quasi 100 volte più forte del CBD) sui recettori dell’organismo che producono serotonina 5-HT. Ciò suggerisce che potrebbe essere utilizzato come farmaco per trattare la nausea e il vomito causati dalla chemioterapia o da altre condizioni che provocano questi sintomi.

Anche se devono essere condotte ulteriori ricerche, i recenti test di GW Pharmaceuticals suggeriscono che il CBDA potrebbe essere un farmaco ancora più efficace contro le crisi epilettiche.

Questa stessa efficacia potrebbe implicare che la CBDA possa svolgere un ruolo nella lotta alla depressione; dopo tutto, la CBDA agisce sui recettori 5-HT nello stesso modo in cui agisce un antidepressivo.

Infine, sebbene la ricerca sulle potenziali proprietà antitumorali della CBDA sia stata condotta finora solo su cellule isolate, i risultati preliminari suggeriscono che potrebbe avere effetti favorevoli anche in questo campo, riducendo la migrazione di un tipo di cellula di cancro al seno molto aggressivo, noto come MDA-MB-231.

Potenziali effetti collaterali e interazioni

Il CBDA, come il CBD, presenta un numero relativamente ridotto di potenziali effetti collaterali negativi.
Di seguito viene riportato un breve elenco dei più comuni:

  • Secchezza delle fauci
  • Sonnolenza – Bassa pressione sanguigna – Vertigini
  • Moderati sbalzi d’umore

È più probabile che questi effetti indesiderati si manifestino quando il CBDA viene utilizzato a dosaggi elevati o periodicamente nel corso della giornata; consultare il medico se si riscontrano effetti collaterali fastidiosi o persistenti.

Esiste un elenco di farmaci da prescrizione e da banco che possono interagire con il CBDA (e il CBD); consigliamo sempre di parlarne con il medico o il farmacista prima di mischiarli con il CBDA.
Per saperne di più sulle interazioni farmacologiche, consigliamo di leggere un articolo pubblicato di recente:
https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/17512433.2022.2142114

Il CBDA è più efficace del CBD?

La verità è che non lo sappiamo ancora.
Sebbene non si sappia se il CBDA sia più utile del CBD, il cannabinoide acido ha mostrato notevoli promesse per la salute umana.
Scopriremo di più sull’efficacia di questa cannabis quando i ricercatori andranno oltre i modelli animali e si dedicheranno ad altre indagini cliniche.

Il CBDA e il CBGA (acido cannabigerolico) sono stati recentemente studiati per la loro capacità di inibire l’infezione da virus della SARS-CoV-2. Lo studio è stato condotto utilizzando cellule in laboratorio e dovrebbe essere confermato da studi clinici sull’uomo. I cannabinoidi, invece, non sono una cura o un trattamento comune per il COVID-19.
Link allo studio:
https://pubs.acs.org/doi/10.1021/acs.jnatprod.1c00946

Ulteriori riferimenti:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7321064/pdf/molecules-25-02638.pdf

https://www.mdpi.com/2218-273X/10/6/900

https://www.liebertpub.com/doi/epub/10.1089/can.2021.0041

Condividilo, con amore!
CBD Alchemy Italia - HQ

Arceto
Via Paolo Borsellino 1/C
42019 Arceto RE

CBD Alchemy Spagna

Barcelona Aribau
Carrer d’Aribau, 43
08011 Barcelona

Barcelona Bonanova
Carrer d’Artesa de Segre, 4
08022 Barcelona

Barcelona Gracia
Carrer de Puigmartí, 18
08012 Barcelona

El Masnou
Carrer de Sant Felip, 32 
08320 El Masnou

CBD Alchemy Germania

Berlin
Kopernikusstraße 35
10243 Berlin

Iscriviti alla nostra newsletter!
Ricevi uno sconto del 10% sul tuo primo ordine

Select your shipping country for the best shipping prices: